Archivio per ottobre, 2015

John e Sergei

Pubblicato: 2 ottobre 2015 in Micronarrabit

Narrabit polliciBando alle ciance Sergei. E’ ora di ripristinare libertà e giustizia in quel posto dimenticato da Dio!

Come darti torto, John. Bombardiamo. Bombardiamo – Sergei trangugia tre dita di vodka ed espira con soddisfazione. Dopo mesi di botta e risposta finalmente hanno trovato un accordo.

Vedrai come ci ameranno le piazze – John sposta la presa di tabacco nell’altra guancia e sputa a terra un ammasso giallognolo.

Ci ameranno, ci ameranno. Finalmente ci si avvia verso la pace! Un passo avanti per un governo stabile e duraturo! – Sergei si alza e si aggiusta la cravatta. Fra qualche minuto i media faranno la fila.

John accavalla gli stivali e uno sperone graffia il parquet a cinque stelle. Il pollice sfiora con un brivido il pulsante blu con scritto sopra LIBERTA’. In stampatello – E François, Muhammad, Tarik e Saud? A loro non diciamo niente?

Facciamogli una sorpresa – gli strizza l’occhio Sergei, tamburellando sul pulsante rosso. C’è scritto sopra GIUSTIZIA. In stampatello – Sai quanto gli piace quando decidiamo io e te.

Ne sai una più Diavolo, Sergei – John butta giù due dita di whiskey e ripassa a destra il tabacco – Bombardiamo. Bombardiamo.

Al “3” o al “via”?

Al “via”, ovvio.

Da noi si va al “3”.

Allora al “3”.

Nemmeno a pensarci. Che non si dica mai che Sergei non ha onorato le usanze di un contraente. Faremo come si fa da voi.

Al “via” dunque!

John e Sergei contano all’unisono. Entusiasti della sinergia raggiunta. Fieri dell’immenso potere della negoziazione. Poi, “via!”. E i due pollici schiacciano la LIBERTA’ blu e la GIUSTIZIA rossa con decisione.

I missili sfrecciano incrociando scie eleganti verso il posto dimenticato da Dio. John e Sergei osservano attoniti i monitor.

Ma non da quella parte, Sergei. Verso il nemico – dice John.

Ma non da quella parte, John. Verso il nemico – ribatte Segei.

Annunci